Songwriters

recensioni di Luca Barachetti – lucabarachetti@gmail.com

Posts Tagged ‘Van De Sfroos Davide

Akuaduulza – Davide Van De Sfroos (Venus, 2005)

leave a comment »

Difficile adattare un dialetto ruvido come quello lariano al passo scorrevole della più classica ballata country-folk. Difficile, si intende, se non si vuole cadere nella solita ballatona scanzonata con qualche ritornello appiccicoso e poca sostanza: cosa che questa volta Davide Van De Sfroos non fa almeno nella maggior parte dei pezzi di Akuaduulza, che difatti non è assolutamente un disco da buttare.

Anzi: Akuaduulza sorprende parecchio per forza poetica, godibilità delle storie e modo in cui sono narrate. Sono rimasti ancora alcuni dei grossi difetti del passato – oltre a quel tipo di canzoni che ti aspetti, non è migliorata l’interpretazione e neanche l’originalità della proposta (Pogues, Waits e Dylan, quest’ultimo direttamente citato nel testo di Rosanera, come modelli irragiungibili) – ma da queste parti non ci era mai capitato di cominciare tanto bene, con la vecchia Madame Falena  e la sua storia di personaggio fascinoso e terribile; né di trovare un così emozionante omaggio all’acqua – paradigma esistenziale per chi vive  continuamente a contatto fisico e spirituale con un lago – qual è Akuaduulza; né, per finire, un canto sciamanico e ombroso come Shymmtakula, perfetto per la voce scartavetrata del suo autore e in lizza insieme alla title-track per il titolo di miglior brano dell’album. E anche gli arrangiamenti – seppur molto standardizzati e vittime di quel miscuglio di fisarmoniche e bouzouki, violini e darbouka tipico di tante produzioni italiane simile a questa – sono più sobri e curati, ma riescono comunque a comunicare quella rozzezza tipica dei live e delle storie che racconta.

Ci troviamo di fronte al miglior disco che Davide Van De Sfroos ha pubblicato fino ad oggi: il più maturo, il più letterario, il più consapevole. Quello che potrebbe far digerire anche agli scettici le asprezze del dialetto: forse Il corvo – efficace metafora del cantastorie che ruba i racconti sulle vite altrui – sta diventando un airone.

Voto: 7.6
Brani migliori: Akuaduulza, Shymmtakula.

Annunci

Written by Luca

06/12/2007 at 14:57