Songwriters

recensioni di Luca Barachetti – lucabarachetti@gmail.com

Archive for settembre 22nd, 2009

Canzoni da spiaggia deturpata – Le Luci della Centrale Elettrica (La Tempesta Dischi/Venus, 2008)

leave a comment »

Nella vignetta ci sono un ragazzo e una ragazza. Stanno seduti uno accanto all’altro e probabilmente sono innamorati. Davanti hanno un enorme cielo stellato, tutto da guardare. Ma lui dice a lei, o forse lei dice a lui: «Andiamo a vedere le luci della centrale elettrica». L’immagine si trovava qualche tempo fa sul MySpace di Vasco Brondi alias Le Luci della Centrale Elettrica e spiega al meglio lo spleen che domina queste dieci Canzoni da spiaggia deturpata. Ovvero le luci a San Siro di Vecchioni portate alle estreme conseguenze, rese definitive. L’amore nelle aree industriali e il disincanto delle nuove generazioni precarie in tutto che diventano spirito del tempo e qui più che mai vengono svelati: «cosa racconteremo ai figli che non avremo di questi cazzo di anni zero» (La lotta armata al bar).
Brondi scrive per accumulo, nei versi associa obliquamente immagini su immagini come un Flavio Giurato grafomane, per poi urlarli in faccia al mondo con la stessa voce d’asfalto di Rino Gaetano, che viene direttamente citato nel finale di Nei garage a Milano Nord. E i pezzi di citazioni traboccano, che siano parole, atmosfere o entrambe le cose: Tondelli, Genna, Bianciardi, Pasolini e i CCCP che «non ci sono più da un bel po’» (La gigantesca scritta COOP), ma anche Bebsi Jones (suoi gli ultimi versi di Fare i camerieri) e il Fiumani più nudo e precipitante.

Se la definizione di cantautorato-punk ha un senso, eccone l’esempio tipo, perché le canzoni de Le Luci della Centrale Elettrica musicalmente sono limitate, due accordi e via, ma si giocano tutto sulla scrittura, che è cuore d’amianto, anima sputata come sangue a terra, lacrime di acquaragia per cancellare le scritte sui muri che qualcuno prima o poi rimetterà. E dove all’estro vulcanico serve anche un po’ di esperienza non meno infuocata, la produzione di Giorgio Canali è il completamento che rasenta la perfezione: l’ex CSI inserisce dove è necessario percussioni, bassi acustici e soprattutto elettriche che urlano la stessa urgenza delle parole (sentite quelle sul finale di Fare i camerieri) e se questo disco durerà oltre i canonici sei mesi di clamore dei tempi in corso il merito è anche suo. E ovviamente di Vasco Brondi che, per chi non lo avesse ancora capito, è uno non solo da tenere d’occhio ma da comprare subito. Perché se c’è ancora qualcosa di davvero nuovo, oseremmo dire addirittura originale, nel cantautorato italiano targato duemilaotto, quel qualcosa passa inevitabilmente da qui: nelle città vuote e sepolcrali della bella copertina di Gipi e nella vitalità senza futuro di un ragazzo che cerca «un po’ di carta stagnola per addobbare a festa questa stanza di merda» (Stagnola).

Voto: 8.7
Brani migliori: Stagnola, La gigantesca scritta COOP, Fare i camerieri.

Annunci

Il Genio – Il Genio (Cramps Music/Disastro Records/Self, 2008)

leave a comment »

Piccolo excursus geografico-musicale: lo Shibuya-kei è un sottogenere del japan-pop nato nel quartiere di Shibuya a Tokio negli anni ’90, una mistura di pop elettronico, lounge, bossa e talora jazz dalle atmosfere retrò e spesso non meno sensuali e surreali che ha generato gruppi come i Pizzicato Five, i Cibo Matto o cantanti come Kahimi Karie, la cui Una giapponese a Roma – brano che tanti appassionati di cultura trash conosceranno sicuramente – chiude questo primo disco de Il Genio, al secolo Alessandra Contini e Gianluca De Rubertis degli Studiodavoli.

I due intersecano diversi immaginari in undici canzoni vintage-pop (oltre la cover succitata) piuttosto gustose: non solo l’entertainment erotico del Sol Levante, ma anche la sensualità ultramaliziosa della coppia Birkin-Gainsbourg e certo cinema di genere che ciclicamente torna di moda. Contini canta con voce flebile da Lolita, De Rubertis lavora di tastiere e melodie a presa rapida; insieme infilano almeno quattro canzoni che comincerete a canticchiare al primo ascolto, partendo dallo scherzo anti-allunaggio di Non è possibile e passando per una Pop Porno che anche solo per il testo («tu sei cattivo con me / perché mi guardi come se io fossi un’attrice un po’ porno») sarebbe un tormentone estivo di cui andare fieri.
Le altre due (A questo punto, con il suo ritornello appiccicoso, e Gli eroi del kung-fu, omaggio alla mitologia delle arti marziali su pellicola) chiudono il cerchio di un disco elegante e ironico, che sulla lunga distanza potrebbe risultare un po’ ripetitivo ma che piacerà sicuramente a chi si innamorò dei Baustelle sensuali e passatisti de “La moda del lento” e a chi pensa che Kazu Makino dei Blonde Redhead, in quanto a “sospiri”, potrebbe fare decisamente di più.

Voto: 7.2
Brani migliori: Non è possibile, Pop porno.

Written by Luca

22/09/2009 at 08:05