Songwriters

recensioni di Luca Barachetti – lucabarachetti@gmail.com

Come un fiore – Stefano Giaccone (La Locomotiva, 2007)

leave a comment »

Forse quando ci si accorgerà della rinascita di Stefano Giaccone dopo i Franti sarà ormai troppo tardi. Perché non capita sempre, e comunque a pochi, di infilare due dischi del genere uno dietro l’altro: “Tras Os Montes” dell’anno scorso e questo Come un fiore, che riprende l’intima nudità del suo predecessore in un concept sulla morte come accadimento estremamente doloroso ma naturale dell’esistenza di ognuno. Oltre al solito Dylan Fowler, ormai spalla fidata del nostro, partecipano Airportman, Art, Ale Malaffo e due Perturbazione, i quali mettono voci, strumenti, arrangiamenti e interi brani per una sorta di lavoro di gruppo che, non perdendo nulla in omogeneità, emerge comunque e soprattutto come un’opera di Giaccone.

Le storie che stanno dietro un disco sulla morte si possono benissimo immaginare, ancor più se nella maggior parte dei casi rispettano i crismi di certo folk anglo-americano che qui va per la maggiore, tra arrangiamenti sempre essenziali di acustiche e pianoforti con fiati, tastiere e percussioni ad alternarsi di contorno.
Amicizie finite troppo presto e senza una speranza ulteriore («il crocifisso sopra la barella è un semplice crocicchio di legno; / niente di diverso dal tuo corpo, ricomposto sopra la barella» in Cielo), oppure distrutte da accadimenti che lasciano senza fiato (la durissima Leo). E poi murder-ballad rumorose su omicidi d’amore (la title-track), scomparse di fratelli troppo lontani la cui normalità è ancora più sconfortante («da tre mesi mio fratello era morto / l’immondizia riempiva ogni stanza al soffitto / i regali nella carta imballati / regalati non sono mai stati» da Mio fratello minore) ed altre di degrado sociale (l’anti-tatcheriana Albion, emozionante cover del cantautore inglese Chris Wood) e soprattutto umano (L’uomo dentro).

Il tutto raccontato in maniera estremamente composta e senza alcun clamore, quasi come una presa d’atto difficile ma inevitabile a cui è possibile contrapporre solo il riparo della memoria. «Adesso sì / adesso che tu vai lontano / il mio pensiero / ti seguirà / sarò con te / dove sei» canta Giaccone in compagnia di Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione nella bellissima rilettura di Adesso sì di Endrigo. Un brano che,  posto proprio al centro del disco, rappresenta tutta la malinconia e la vitalità di chi, nonostante tutto, vuole continuare a (soprav)vivere.

Voto: 8.4
Brani migliori: Cielo, Mio fratello minore, Adesso sì.

Annunci

Written by Luca

07/05/2008 a 15:19

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: