Songwriters

recensioni di Luca Barachetti – lucabarachetti@gmail.com

Non al denaro non all’amore né al cielo – Morgan (Mescal/Sony, 2005)

leave a comment »

Ad essere parecchio maliziosi il dubbio viene: il signor Marco “Morgan” Castoldi ha rifatto De Andrè – il miglior De Andrè – perchè di canzoni nuove nei cassetti del suo appartamento ce ne sono poche (per non dire nessuna). E allora il remake di Non al denaro non all’amore né al cielo diventa un  (bel) modo per prendere tempo. E’ un’a a illazione un po’ provocatoria, è vero, ma non si capisce altrimenti il significato artistico di un disco come questo, che sbaraglia ascolto dopo ascolto tutti i possibili perchè della sua esistenza. E di motivi, tra critiche e interviste, ne abbiamo sentiti tanti. Ma nessuno di questi ci ha convinto veramente. Vediamoli.

“Non al denaro non all’amore nè al cielo” come omaggio al più grande dei nostri cantautori. Certamente lo è, e non potrebbe essere altrimenti. Ma a De Andrè di omaggi e dischetti dalla discutibile utilità – quella commerciale la conosciamo tutti – ne sono già fatti tanti e questa volta sarebbe bastato portare le canzoni di “Non al denaro…”sui palchi, e non in studio. O fare uno spettacolo di approfondimento simile a quello di Claudio Bisio per la “Buona Novella” e poi, ma solo poi – come testimonianza del progetto – un disco dal vivo .

“Non al denaro non all’amore nè al cielo” come tentativo di divulgazione dell’opera di De Andrè da parte di un artista “più a contatto coi giovani”: ci è sembrato di capire anche questo dalle parole di Dori Ghezzi. Però, gente, non scherziamo. Prima di tutto, le canzoni di Fabrizio De Andrè non sono un reperto archeologico e i suoi dischi fortunatamente sono trovabilissimi; secondo, se c’è un cantante così a contatto coi giovani – parlando di divulgazione dobbiamo parlare per forza di vendite – questo non sembra essere Morgan, piuttosto personaggi tipo Meneguzzi o Dirisio (e vengono i brividi solo ad immaginare la grottesca assurdità di un Meneguzzi che canta Un blasfemo); terzo, se entro in un negozio di dischi e voglio conoscere cosa ha cantato in vita Fabrizio De Andrè mi prendo un suo disco, non un remake che pur bello che sia – e quello di Morgan fa comunque la sua figura – è pur sempre una derivazione dall’originale. De Andrè si divulga da solo, non ha bisogno di aiuti del genere.

“Non al denaro non all’amore nè al cielo” esprimere il “punto di vista” di Morgan su uno dei dischi fondamentali della musica italiana. Appunto perchè fondamentale, “Non al denaro…” trova già la sua versione definitiva nell’originale. Non ci vuole molto ad intuire che tentare di rifarlo meglio sarebbe una pura utopia: il “punto di vista” di Morgan sarebbe inutile. E infatti nel complesso la sua esecuzione non cambia di una virgola le atmosfere e gli intenti iniziali.

“Non al denaro non all’amore nè al cielo”come operazione puramente commerciali. Lo è sicuramente, ma non ci sentiamo di dire che questo sia l’unico motivo dell’esistenza di questo disco – e di certo esula da ciò che stiamo cercando noi: un significato artistico. La suoneria di Un giudice scaricabile dal sito di Mtv ci induce però a pensare che qualcuno di casa De Andrè più che alla divulgazione pensi allo sputtanamento di un’eredità artistica, e morale, che andrebbe soprattutto rispettata e difesa. E’ sempre bene ricordarlo.

Insomma nessuna delle ipotesi formulate sopra ci convince. A dirla tutta ci potrebbero essere anche dei perchè più intimi, rispettabili questioni di devozione e gratitudine dell’esecutore verso l’autore De Andrè che però solo Morgan conosce e che non andrebbero fatte pagare diciotto-venti euro. O rimarrebbe infine la motivazione che appare più sensata e diretta, visto l’ego grassoccio che il signor Castoldi si porta dietro più o meno simpaticamente: Morgan coverizza un disco intero di De Andrè per compiacersi; per andare da Fazio e prendere applausi; per avere il beneplacito di Fernanda Pivano (una che è passata da Kerouac e Gregory Corso a Ligabue: quindi se fossi Morgan ci andrei con le pinze…), magari dando la possibilità a qualche giornalista dalla manica larghissima di buttar lì un Morgan-erede-di-De-Andrè che qualcuno sicuramente prima o poi si berrà d’un fiato; consapevole però di non poter fare un disco brutto perché lui e la sua band, checché se ne dica, con la musica ci sanno giocare – e difatti gli arrangiamenti, seppur rispettosi, hanno delle novità – qualche accento gotico, qualche altro smaccatamente morriconiano (la coda ne Il suonatore Jones), qualche genialata mariposiana (c’è Enrico Gabrielli ai fiati, e si sente) – ma non abbastanza da aggiungere aspetti significativi all’esecuzione originale. E’, appunto, solo gioco.
L’unico rischio dell’operazione “Non al denaro…” in fondo era quello di fare un disco sterile e inutile, ed è ciò che effettivamente accade. Perché il remake di “Non al denaro non all’amore né al cielo” – privo di una qualsiasi significato profondo, reale, importante – ci sembra solo un disco molto ben fatto ma altrettanto artisticamente superfluo, oltre che sterile per colpa della voce del suo stesso esecutore – che semplicemente non è quella di De Andrè e non sa cogliere la sarcastica tragicità delle storie che canta (non per nulla la versione di Un blasfemo appare quantomai deficitaria) – ma anche capace di servire un assaggio di psichedelìa ludica e davvero storta (Un ottico) da ricordarsi a lungo.
C’è insomma l’omaggio, devoto e rispettoso; si riconoscono pure il Morgan musicista e il Morgan uomo-compiaciuto. Ma manca quell’esigenza artistica di fondo che eviti a questo remake la fine che purtroppo si merita: quella di “uno in più” alla lista dei dischi inutili che settimana dopo settimana invadono i negozi.
Non ci resta che sperare di non dovere avere a che fare con altri progetti simili. Non ce n’è davvero bisogno. E che brutta la parola remake affibiata ad un disco da sempre così tanto amato.

Voto: 5.2
Brani migliori: Un ottico.

Annunci

Written by Luca

07/01/2008 a 12:44

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: