Songwriters

recensioni di Luca Barachetti – lucabarachetti@gmail.com

La musica nelle strade! – Les Anarchistes (Storie di Note, 2005)

with 3 comments

Fortunatamente la cosiddetta “canzone politica” non è solo slogan e frasi ad effetto. C’è anche qualcuno che, lasciate da parte le bandiere, le Verità e il consenso, decide di fare musica problematizzando, usando cioè le canzoni per compiere un percorso – serio, approfondito e necessario – sulla nostra realtà e i suoi sistemi. E’ quello che hanno tentato di fare, riuscendoci pienamente, i Les Anarchistes con La musica nelle strade!, lavoro ricco e pe(n)sante che partendo da un manipolo di brani dalle più disparate provenienze costruisce, insieme ad un libretto della collana Millelire allegato al disco, un’indagine breve ma molto interessante sulla biopolitica – ovvero il modo di condurre la società d’oggi, la “politica della vita”, fatta sul corpo (produttivo) degli individui – e sul concetto di campo – cioè quello stato di “eccezione giuridica” che realizzandosi stabilmente permette ad un potere sovrano di imporsi: i campi di concentramento, i centri di permanenza temporanea e così via.

Quindici le canzoni sul disco, due i capitoli del libretto (“La società disciplinare” e “La biopolitica del campo”, per un totale di sessantuno pagine). Ma nella battaglia qui quantomai fondamentale tra forma e contenuto, vince il contenuto; perché se da un lato è davvero molto interessante l’apparato di connessioni tra presente, passato e futuro organizzato dalla voce del gruppo Marco Rovelli (con l’aiuto degli interventi di Foucault, Nietzsche e Harendt, solo per citarne alcuni); dall’altro è anche vero che all’ascolto La musica nelle strade! presenta parecchi difetti.

Primo fra tutti – e comune a tanti dischi a loro modo militanti – è la lunghezza, che non affievolisce il legittimo “peso” di tutto il progetto. Avremmo preferito qualche canzone in meno e una maggiore cura dei singoli episodi, spesso impantanati nello stesso schema formale (introduzione maggiormente acustica, quindi proseguimento elettronico) e debitori di un po’ di “banalità” per quanto riguarda grooves ed effetti.
Convince molto di più invece l’interpretazione, sia quando è affidata alle voci titolari del gruppo (Marco Rovelli e Alessandro Danelli) sia quando è affidata ai numerosi ospiti (su tutti Giovanna Marini e Moni Ovadia, che strazia misticamente il canto ebraico Pishku Li); così come la scelta di alcuni brani di forte emotività e coinvolgimento (Inno a Oberdan, A las barricadas).

Voto: 6.3
Brani migliori: Pishku Li.

Annunci

Written by Luca

26/12/2007 a 09:55

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Caro Luca, sono contento che tu abbia apprezzato il progetto complessivo. Quelli che tu dici essere i difetti del disco, del resto, sono stati alcuni tra i punti di frizione, nonché sintomi, che mi hanno spinto ad abbandonare il gruppo. Insomma, dal mio punto di vista tu hai colto benissimo le cose.
    ciao,
    Marco

    marco rovelli

    04/01/2008 at 18:23

  2. il fatto e’ che il gruppo non l’ha abbandonato lui..e’ stato abbandonato

    Anonimo

    11/01/2008 at 17:02

  3. Se il coraggioso anonimo ha il coraggio di esporsi con nome e cognome sono pronto a scendere nei dettagli. Sa benissimo che posso farlo, ma che fino ad ora non l’ho fatto, e mi auguro di non doverlo fare in futuro, perché comunque è un capitolo chiuso. Io sono intervenuto qui solo perché quel che ho detto ha un senso rispetto alle cose che ho iniziato a fare.

    marco rovelli

    12/01/2008 at 15:54


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: